Verso un futuro sostenibile: Carbonsink & la Climate Strategy di Finnair

CORSIA, una misura globale per i cambiamenti climatici

Nel 2016, l'International Civil Aviation Organisation (ICAO) ha adottato il Carbon Offsetting and Reduction Scheme for International Aviation (CORSIA) per affrontare le emissioni di CO2 dall'aviazione internazionale. Una decisione storica, che per la prima volta ha visto un singolo settore industriale aderire ad un programma globale di compensazione delle emissioni.

CORSIA è il primo strumento globale per limitare le emissioni di CO2 di un intero settore e per raggiungere l’obiettivo ambizioso di una crescita Carbon Neutral. Il significato di questo accordo è un importante risultato politico in quanto le divergenti opinioni dei 192 Stati membri dell'ICAO sono state riconciliate in un unico meccanismo che tiene conto delle rispettive peculiarità.

A inizio anno si è segnato il primo passo di CORSIA ovvero la fase di monitoraggio delle emissioni a partire dal 01/01/2019. Il programma CORSIA entrerà in completa funzione a partire da Gennaio 2021 con una prima fase pilota che durerà fino al 2023: gli anni 2019 e 2020 rappresentano il periodo di riferimento (baseline) con il quale verranno confrontante le emissioni degli anni successivi (a partire dal 2021), nel caso in cui le emissioni di ciascun anno eccedano le emissioni medie del periodo 2019-2020 la compagnia aerea dovrà compensare tale differenza.

Secondo l’ICAO l’aviazione internazionale, da sola, sarebbe responsabile di circa il 2% ["Global Warming of 1.5 ºC", IPCC Report, Ottobre 2018]delle emissioni globali di gas ad effetto serra. La domanda prevista di crediti di carbonio dipende fortemente dall’andamento del settore dell’aviazione e dalla sua crescita, oggi si stima che l’utilizzo di crediti di carbonio si aggiri tra 1,6 e 3,6 miliardi tra il 2021 e il 2035.

Fin dal 2016, anno della sua introduzione, CORSIA non è stato esente da forti critiche, nonostante l’ottimismo che lo continua a contraddistinguere. Sappiamo tutti benissimo che il tema della riduzione e compensazione delle emissioni di CO2, e il mercato del carbonio, rappresentano una componente fondamentale della mitigazione del cambiamento climatico e di una Climate Action efficace e di lungo periodo. Ma questo non basta, le compagnie aeree vogliono che ICAO fornisca regole chiare: non vogliono né essere criticate dall’opinione pubblica sulla natura dei loro sforzi per la protezione del clima, né rischi finanziari e reputazionali associati alla questione critica del "doppio conteggio".

Per garantire l'integrità ambientale di CORSIA l’ICAO ha pubblicato, a marzo 2019, un decalogo con requisiti e linee guida sulla compensazione, allineati con i principali e più importanti standard internazionali:

  1. Fondamentale è che la riduzione o rimozione della CO2 utilizzata come compensazione sia "addizionale". Gli offset devono rappresentare una riduzione permanente delle emissioni.
  2. Le riduzioni delle emissioni dovranno essere quantificate utilizzando misurazioni accurate, protocolli validi e riconosciuti a livello internazionale; è necessario determinare una baseline per determinare ciò che sarebbe successo se il progetto non fosse stato realizzato.
  3. Tenere traccia delle unità (trasparenza) per evitare che una riduzione delle emissioni venga conteggiata più di una volta. La riduzione effettiva delle emissioni deve essere misurata con metodi scientifici ufficialmente riconosciuti e la verifica deve essere effettuata da un ente neutrale, di parte terza, in grado di verificare l’effettiva riduzione delle emissioni.
  4. I crediti di carbonio devono avere una catena di custodia (chain of custody), chiara e trasparente, all’interno del programma di compensazione; tutti i crediti di carbonio vengono iscritti nei registri internazionali per una completa garanzia e contrassegnati con un apposito numero identificativo.
  5. I crediti di carbonio devono rappresentare una riduzione, rimozione o sequestro delle emissioni permanente.
  6. I crediti di carbonio devono essere generati da progetti che non provocano un aumento sostanziale delle emissioni altrove (questo concetto è noto anche come dispersione).
  7. Devono essere adottate misure per evitare: a) Doppia emissione che si verifica se più di una unità è emessa per le stesse emissioni o la riduzione delle emissioni. b) Doppio utilizzo che si verifica quando la stessa unità emessa viene utilizzata due volte, ad esempio se un'unità è duplicata nei registri. c) Doppia rivendicazione che si verifica se la stessa riduzione delle emissioni viene conteggiata due volte sia dall'acquirente che dal venditore.
  8. I progetti in grado di generare crediti di carbonio non devono violare regolamenti o obblighi locali, statali / provinciali, nazionali o internazionali. I programmi offset devono divulgare processi e procedure utilizzati per gestire i rischi ambientali e sociali.

All’interno delle linee guida pubblicate a marzo si dà ampio risalto al rischio del doppio conteggio, che è un principio base fondamentale per garantire l’integrità del trading internazionale del carbonio. Se le emissioni vengono conteggiate due volte, una sola volta nel paese ospitante ed un’altra da una compagnia aerea aderente a CORSIA il sistema non compensa realmente le crescenti emissioni di CO2 del settore andando a minare gli sforzi globali per la lotta al cambiamento climatico.

Il raggiungimento degli obiettivi prefissati da CORSIA richiederà investimenti costanti nelle nuove tecnologie e forti meccanismi di sostegno per l'affermazione di un'aviazione sostenibile. La compensazione non è una sostituzione agli sforzi delle compagnie aeree di migliorare tecnologia ed infrastrutture per continuare a ridurre le emissioni del settore, piuttosto il programma CORSIA può aiutare concretamente il settore dell’aviazione a raggiungere i propri obiettivi climatici a breve e medio termine, integrando le iniziative di riduzione delle emissioni all’interno del settore senza andare a penalizzare alla crescita del settore.

Infatti, l’utilizzo dei crediti di carbonio servirà proprio ad andare a compensare le emissioni legate alla crescita della compagnia ogni anno.

Finnair Push for Change

"Non possiamo sicuramente cambiare il mondo con un click, ma iniziare un viaggio verso un futuro più sostenibile forse sì", è quello che dichiara e vuole fare Finnair, la compagnia aerea finlandese, che ha lanciato a inizio anno l’iniziativa "Push for Change", il servizio che consente ai clienti Finnair di compensare le emissioni di CO2 dei propri voli finanziando un progetto di mitigazione del cambiamento climatico.

I benefici del viaggio aereo sono indubbi ma questa connettività ha creato una sfida ambientale senza precedenti ed è per questo che Finnair, consapevole della centralità del settore dell’aviazione e della sua importanza come fonte di reddito e occupazione per moltissimi paesi - secondo una stima del 2016, nell'Unione, il settore aviazione ha creato direttamente due milioni di posti di lavoro - ha deciso di intraprendere una Climate Action ambiziosa mostrando il suo impegno nei confronti dell’ambiente.

La Climate Strategy di Finnair rispetta gli obiettivi comuni del settore aviazione, ovvero un miglioramento dell’efficienza energetica del carburante pari all’1,5% per raggiungere la neutralità entro il 2020 e una riduzione del 50% delle emissioni totali entro il 2050, ma cerca di fare un passo in avanti verso l’affermazione di un’economia a basse emissioni di carbonio fissando un obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 entro il 2020 pari al 17% rispetto al valore di riferimento del 2013.

Finnair offre ai sui clienti un servizio con cui poter compensare le emissioni dei voli comprati, attraverso questo servizio il cliente Finnair potrà effettuare delle "donazioni" che andranno interamente a finanziare il progetto di riduzione prescelto da Finnair, grazie alla partnership con NEFCO (istituzione finanziaria internazionale costituita dai governi nordici per la consapevolezza ambientale e la crescita sostenibile).

Quest’ultimo è il progetto certificato Gold Standard ed implementato da Carbonsink, un progetto di mitigazione realizzato in Mozambico che prevede la distribuzione di stufe efficienti per cucinare, in grado non solo di ridurre il consumo di carbone tra la popolazione locale con una conseguente riduzione delle emissioni CO2, ma di contribuire concretamente al miglioramento delle condizioni di vita garantendo benefici sociali ed economici alle comunità locali e benefici ambientali su scala globale.

L’impegno di Finnair per la mitigazione del cambiamento climatico è anche un esempio virtuoso di Customer Satisfaction: Push for Change nasce proprio dalla volontà di ascoltare richieste e desideri dei propri clienti che, dopo una ricerca condotta dalla compagnia aerea finlandese, si sono schierati dalla parte della sostenibilità dichiarando di essere disposti a pagare per ridurre il consistente rilascio di CO2 in atmosfera a causa viaggi aerei.  E la risposta di Finnair non ha tardato ad arrivare offrendo nuove soluzioni che consentano al Cliente di volare in modo più responsabile e sostenibile.

Carbonsink Project Developer & Gold Standard

Carbonsink è orgogliosa che una delle compagnie aeree più importanti in Europa abbia scelto un progetto Carbonsink certificato Gold Standard. Una grande opportunità per dimostrare come il meccanismo delle compensazioni, tema ancora oggi controverso per il mondo delle imprese, possa essere integrato a tutti gli effetti nella propria strategia di business e divenire una valida e concreta strategia per la transizione ad un’economia a basse emissioni di carbonio.

Carbonsink, dal 2015, è membro ICROA (International Carbon Reduction and Offsetting Alliance) e si impegna concretamente a promuovere lo sviluppo sostenibile nei progetti che sviluppa, impegnandosi ad offrire crediti di carbonio certificati con standard internazionali, come Gold Standard.

Il progetto selezionato da Finnair, in collaborazione con NEFCO, è sviluppato in uno dei più poveri sobborghi di Maputo, in Mozambico, dove la densità di popolazione è altissima e le condizioni di igiene critiche. Le nuove stufe efficienti, distribuite grazie al progetto, contribuiranno alla mitigazione del cambiamento climatico grazie alla consistente riduzione della combustione del carbone e delle relative emissioni di CO2 prodotte, con conseguenti benefici sulle finanze e la salute delle famiglie.

I progetti che distribuiscono stufe efficienti forniscono benefici importanti per la salute delle comunità locali grazie ad un miglioramento della qualità dell’aria diminuiscono di fatto per donne e bambini i rischi di malattie respiratorie dovute al fumo e gli infortuni causati da esposizione ai fuochi. Inoltre, questa tipologia di progetto prevede un consistente risparmio di risorse finanziarie grazie alla riduzione delle spese annuali utilizzate per l'acquisto di carbone, contribuendo così alla diminuzione del tasso di povertà. La bassa produzione di carbonio dovuta all’utilizzo di stufe efficiente comporta benefici importanti a livello ambientale come la riduzione del tasso di deforestazione nelle aree di progetto e la salvaguardia della biodiversità.

Coniugare la mitigazione degli effetti del cambiamento climatico con un contributo reale e misurabile al raggiungimento dei "Sustainable Developmet Goals" (SDGs) definiti dall’agenda 2030 delle Nazioni Unite è uno dei requisiti fondamentali della certificazione Gold Standard.

Gold Standard è considerato a livello internazionale uno standard best practice e uno standard di alta qualità per il mercato volontario ed è per questo che Carbonsink ha scelto di certificare molti progetti di mitigazione con questo standard. Finanziare un progetto certificato Gold Standard, come nel caso di Finnair, significa innanzitutto evitare qualsiasi tipo di accusa legata al cosiddetto "green washing", le aziende possono affidarsi ai programmi Gold Standard certi di seguire le migliori pratiche per una strategia di compensazione in linea con l’Accordo sul Clima di Parigi e gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Inoltre, i crediti certificati Gold Standard rispettano le linee guida pubblicate da ICAO ed oltre alla riduzione effettiva di CO2, garantiscono di massimizzare i benefici del progetto; la compensazione diventata "neutralizzazione", e vero cambiamento positivo, quando si sceglie una tipologia di crediti in grado di "maximize positive benefit". Gli impatti positivi per Gold Standard – dal miglioramento sulla salute, alla salvaguardia della biodiversità, passando per l’accesso ad energia e risorsa idrica da fonti rinnovabili e sostenibili – sostengono attivamente le comunità locali più colpite dagli effetti disastrosi dei cambiamenti climatici nonostante abbiano contribuito minimamente al problema.

Carbonsink al fianco di Gold Standard, come Project Developer, si impegna costantemente a promuovere progetti che siano in linea con gli standard riconosciuti a livello internazionale con l’obiettivo di sostenere ed incoraggiare l’adozione di strategie di offset, in grado di generare crediti di carbonio certificati, e di raggiungere gli obiettivi di sostenibilità attraverso soluzioni innovative.

 

Grazie a Sarah Leugers, Director Communication di Gold Standard; e Laura Varja, Communication Specialist di Finnair, per la preziosa collaborazione.

 

Camilla Pollini

Verso un futuro sostenibile: Carbonsink & la Climate Strategy di Finnair