Il Final Report sulla Tassonomia guida la transizione net zero emissions dell'Unione Europea

Il TEG (Technical Expert Group on Sustainable Finance) ha rilasciato alla Commissione Europea le proprie raccomandazioni finali sulla Tassonomia.

La tassonomia dell'UE è uno strumento per aiutare gli investitori, le società, gli emittenti e i promotori di progetti a promuovere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio, resiliente ed efficiente sotto il profilo delle risorse.

La tassonomia stabilisce soglie di prestazione (denominate "criteri di screening tecnico") per le attività economiche che:

  • forniscono un contributo sostanziale a uno dei sei obiettivi ambientali definiti nella Tassonomia; 
  1. Mitigazione cambiamenti climatici
  2. Adattamento cambiamenti climatici
  3. Protezione delle risorse idriche e marine;
  4. Transizione verso un'economia circolare
  5. Prevenzione e controllo dell'inquinamento;
  6. Protezione e ripristino di biodiversità ed ecosistemi.
  • non danneggino in modo significativo gli altri cinque obiettivi, ove pertinente;
  • soddisfino le garanzie minime (ad esempio, le Linee guida dell'OCSE sulle imprese multinazionali e i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani).

 

Che cosa è cambiato dal rapporto pubblicato a giugno 2019?

Questa è la terza relazione del TEG che segue oltre 20 mesi di lavoro tecnico che ha visto coinvolti più di 200 esperti tecnici; nel nuovo rapporto si descrive le modifiche alla tassonomia dopo l'accordo politico, spiegando le attività di adattamento climatico e fornendo un'ampia guida all'attuazione della tassonomia, comprese le garanzie minime incluse nel regolamento sulla tassonomia.

Sono stati inclusi criteri per l'adattamento climatico per 68 attività economiche, oltre ai criteri per la mitigazione del clima. I criteri richiedono una valutazione dei rischi approfondita e un piano per affrontare tutte le vulnerabilità materiali alle attività economiche al fine di considerare le spese correlate allineate alla tassonomia. Per supportare investitori e società, nelle raccomandazioni sono state fornite indicazioni sostanziali per i nuovi utenti per l'implementazione della tassonomia. 

Il rapporto sulla tassonomia è integrato dalla guida all'usabilità per lo standard Green Bond dell'UE. La proposta sui green bond intende garantire che gli investimenti finanziati contribuiscano agli obiettivi ambientali dell'UE seguendo i criteri di tassonomia.

Sviluppi futuri

La transizione verso un'economia neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050 richiede strumenti e orientamenti chiari, che riflettano prove scientifiche ed esperienza di mercato, per dare fiducia alle società e agli investitori per agire.

In base al regolamento sulla tassonomia recentemente concordato (che entrerà in vigore nel 2021), gli investitori e le società riveleranno le prestazioni ambientali delle attività in cui investono, costruendo fiducia e sicurezza nell'economia green e sostenibile.

L'UE prevede di includere ulteriori attività economiche nella tassonomia attraverso una nuova piattaforma sulla finanza sostenibile, che dovrebbe essere operativa entro la fine del 2020.

Fornendo criteri per le attività in settori che producono il 93% delle emissioni europee, si prevede che la tassonomia amplierà notevolmente la comprensione del mercato delle opportunità di finanziamento sostenibili disponibili oggi.

Le soglie di prestazione aiuteranno le aziende, i promotori di progetti e gli emittenti ad accedere a finanziamenti ecologici per migliorare le loro prestazioni ambientali, oltre a contribuire a identificare quali attività sono già ecologiche. In tal modo, si contribuirà concretamente alla crescita dei settori a basse emissioni di carbonio e a favorire la decarbonizzazione di settori ad alte emissioni di carbonio.

La tassonomia dell'UE è uno degli sviluppi più significativi della finanza sostenibile e avrà implicazioni ad ampio raggio per gli investitori e gli emittenti che lavorano nell'UE e al di fuori.

FONTE

Il Final Report sulla Tassonomia guida la transizione net zero emissions dell'Unione Europea