CDP 2020: online i nuovi score sulla disclosure climatica

9 dicembre 2020 - Come ogni anno CDP (già Carbon Disclosure Project), il più importante sistema di divulgazione globale per la gestione degli impatti ambientali del settore privato, ha pubblicato gli score relativi alla rendicontazione 2020 delle principali società.

Il 2020 è stato sicuramente un anno difficile, con l'emergenza COVID 19 che ha messo a dura prova il mondo intero ed ha di fatto accelerato anche la crisi climatica; la pandemia ha esercitato un ulteriore pressione sulle imprese affinché rivelino i loro rischi ambientali, e gli score CDP dimostrano come il settore privato abbia mostrato una crescente e concreta consapevolezza ambientale.

Le note pubblicate ieri da CDP ci mostrano un incremento importante della disclosure climatica del settore privato: sono state oltre 9.600 le aziende che si sono impegnate nella divulgazione tramite CDP - un numero record rispetto agli anni precedenti - si parla infatti di un aumento pari al 70% rispetto all'anno di firma dell’Accordo di Parigi; le società partecipanti ad oggi rappresentano oltre il 50% della capitalizzazione di mercato a livello globale.

Sono quindi sempre di più le aziende che si sono impegnate a adottare pratiche sostenibili ed allinearsi ad un quadro di riferimento più ampio per una climate action globale, quella necessaria per far sì che la transizione net-zero emissions si concretizzi.

Quest’anno sono state 270 le imprese a livello globale inserite nella "Climate Change A List" di CDP. Si registra un miglioramento senza precedenti anche per le aziende italiane: rispetto al 2019 salgono a otto le eccellenze italiane leader nella divulgazione sul clima, ASTM, BPER Banca, Gruppo Iren, Leonardo e Snam si aggiungono così a Brembo S.p.A, ENEL e Pirelli. 

Emerge quindi anche nel nostro Paese la necessità, e voglia, del settore privato di ottenere un ruolo di leadership nella lotta al cambiamento climatico, e contribuire alla decarbonizzazione necessaria per limitare l’innalzamento delle temperature globali al di sotto del 1,5°C, lo dimostrano le 17 aziende italiane che quest’anno hanno ottenuto lo score A-.

Dal 2017 Carbonsink è società partner di CDP nel Climate Change Reporting. Come partner accreditato CDP in Italia, Carbonsink aiuta le imprese a migliorare la compilazione del questionario CDP, valutando il rischio climatico dell’impresa sia a livello strategico che operativo.

L'obiettivo è facilitare l’utilizzo del sistema di reporting CDP indipendentemente dal livello di preparazione dell’Azienda e sostenere l'organizzazione durante il lavoro di raccolta dati e compilazione del questionario, al contempo agevolando tutte quelle attività utili a migliorare la propria strategia sul clima oltre che il proprio score CDP.

Carbonsink ha deciso per questo di adottare approcci e strategie diverse a seconda del livello di preparazione dell'impresa, sostenendo e supportando anche tutte quelle aziende che non hanno mai fatto disclosure, aiutandole nella definizione di una strategia sul clima ad hoc che permetta di comunicare l’impegno concreto nei confronti del cambiamento climatico ed ottenere una posizione di leadership nella rendicontazione non finanziaria e negli indici di sostenibilità.

Per maggiori informazioni sulla disclosure CDP 2020

CDP 2020: online i nuovi score sulla disclosure climatica