Accesso all'energia e salvaguardia ambientale in Etiopia

Il progetto che prevede la distribuzione di stufe efficienti ad uso domestico per circa 20.000 famiglie nella regione di Oromia, nel sud dell'Etiopia, è stato sviluppato in collaborazione con COOPI, una ONG italiana che opera in contesti caratterizzati da povertà estrema e fragilità sociopolitiche o ambientali attraverso un approccio che lega l’intervento in situazioni di emergenza con la riabilitazione e lo sviluppo delle comunità, in collaborazione con Carbonsink.

La prima distribuzione, di circa 4.400 stufe nella zona di Guji, è iniziata fine 2019 ed ogni anno grazie al progetto ne verranno distribuite in media oltre 4.000 alle famiglie delle comunità dei distretti. La maggior parte della popolazione della zona cucina ancora oggi con i tradizionali fornelli che consumano grandi quantità di legna da ardere; ciò significa che sono necessari anche molto tempo e risorse economiche da impiegare per l'approvvigionamento.

Inoltre, metodi di cottura tradizionali producono anche molto fumo che espone le famiglie locali a frequenti malattie respiratorie, in particolare donne e ragazze che sono responsabili delle attività di cottura, ma anche nei bambini piccoli e altre persone (ad esempio gli anziani) che trascorrono molto tempo vicino al fuoco.

I benefici derivanti dal progetto sono ambientali, economici e sociali; in particolare per quanto riguarda l’ambiente, le stufe efficienti riducono il consumo di carbone o di altri combustibili per cucinare, con una conseguente riduzione delle emissioni di CO2 e un contributo concreto alla mitigazione del cambiamento climatico salvaguardando la biodiversità e il degrado e la deforestazione delle foreste.


standard sustainable development goals sustainable development goal sustainable development goal sustainable development goal sustainable development goal sustainable development goal


Accesso all'energia e salvaguardia ambientale in Etiopia

SUBSCRIBE TO OUR NEWSLETTER